lunedì 1 maggio 2017

Albo d'oro F1: 2005

Il Campionato del Mondo 2005 fu segnato dal primo titolo dell'asturiano Fernando Alonso e del team Renault, che spezzò il dominio di Michael Schumacher e della Scuderia Ferrari dopo cinque anni di successi. La squadra di Maranello trionfò in una sola gara, il Gran Premio degli Stati Uniti, caratterizzato dal forfait dei team gommati Michelin per via del terribile incidente di Ralf Schumacher nelle prove libere del venerdì causato dallo scoppio del pneumatico della sua Toyota. Dopo un breve e animato briefing tra le scuderie la FIA decise di consentire la partecipazione alla gara alle sole scuderie gommate dalla nipponica Bridgestone (Ferrari, Jordan e Minardi), mentre il poleman Jarno Trulli condusse il gruppo delle monoposto gommate Michelin ai box al termine del giro di formazione. La gara fu agevolmente vinta da Kaiser Michael davanti al suo compagno di squadra Barrichello e al portoghese Tiago Monteiro, che ottenne così il suo primo podio nella massima formula automobilistica, ultimo della storia del team irlandese.

GP USA 2005 - I team Michelin rientrano ai box al termine del giro di formazione 
lasciando la gara nelle mani di Ferrari, Jordan e Minardi


La gara inaugurale di Melbourne vide il dominio di Giancarlo Fisichella, partito dalla pole e involatosi verso il traguardo resistendo al pressing di Rubinho. Il Gran Premio australiano fu l'unica gioia dell'anno per il pilota italiano del team Renault, scivolato al quinto posto della generale lasciando il duello per la vetta ai soli Alonso e Raikkonen. Il pilota finlandese cercò di spremere al massimo la Mclaren nel tentativo di recuperare il vantaggio accumulato nelle fasi iniziali del Campionato dal rivale spagnolo, ma la fragilità dell'ultima monoposto progettata dal genio Adrian Newey per la scuderia di Ron Dennis lo privò di un degno scontro alla pari. Alonso si rivelò invece costante, garantendosi così la conquista del suo primo alloro con due gare di anticipo.
Primo titolo anche per la Renault con nove lunghezze di vantaggio sulla Mclaren. Ferrari terza in entrambi i Campionati, peggior risultato dal primo anno dell'era Schumacher. Stagione da incorniciare per la Toyota, quarta grazie al buon bottino di punti raccolto dagli esperti Ralf Schumacher e Jarno Trulli. Jordan e Minardi, ultime classificate rispettivamente con 12 e 7 punti, salutano per sempre la Formula 1 cambiando la loro denominazione in Midland F1 Team e Scuderia Toro Rosso (team satellite della Red Bull Racing).


Campionato Piloti:

Primo Titolo per Alonso e Renault
1 - Fernando Alonso (Renault): 133 Punti
2 - Kimi Raikkonen (Mclaren): 112 Punti
3 - Michael Schumacher (Ferrari): 62 Punti
4 - Juan Pablo Montoya (Mclaren): 60 Punti
5 - Giancarlo Fisichella (Renault): 58 Punti
6 - Ralf Schumacher (Toyota): 45 Punti
7 - Jarno Trulli (Toyota): 43 Punti
8 - Rubens Barrichello (Ferrari): 38 Punti
9 - Jenson Button (BAR): 37 Punti
10 - Mark Webber (Williams): 36 Punti
11 - Nick Heidfeld (Williams): 28 Punti
12 - David Coulthard (Red Bull): 24 Punti
13 - Felipe Massa (Sauber): 11 Punti
14 - Jacques Villeneuve (Sauber): 9 Punti
15 - Christian Klien (Red Bull): 9 Punti
16 - Tiago Monteiro (Jordan): 7 Punti
17 - Alexander Wurz (Mclaren): 6 Punti
18 - Narain Karthikeyan (Jordan): 5 Punti
19 - Christjian Albers (Minardi): 4 Punti
20 - Pedro de la Rosa (Mclaren): 4 Punti
21 - Patrick Friesacher (Minardi): 3 Punti
22 - Antonio Pizzonia (Williams): 2 Punti
23 - Takuma Sato (BAR): 1 Punto
24 - Vitantonio Liuzzi (Red Bull): 1 Punto
25 - Robert Doornbos (Minardi): 0 Punti
NC - Anthony Davidson (BAR): 0 Punti
NC - Ricardo Zonta (Toyota): 0 Punti


Campionato Costruttori:

1 - Renault: 191 Punti
2 - Mclaren: 182 Punti
3 - Ferrari: 100 Punti
4 - Toyota: 88 Punti
5 - Williams: 66 Punti
6 - BAR: 38 Punti
7 - Red Bull: 34 Punti
8 - Sauber: 20 Punti
9 - Jordan: 12 Punti
10 - Minardi: 7 Punti